L’Intervento Psicoeducativo nell’Autismo e nei Disturbi dello Sviluppo

L’Intervento Psicoeducativo nell’Autismo e nei Disturbi dello Sviluppo

Home Forum Congressi L’Intervento Psicoeducativo nell’Autismo e nei Disturbi dello Sviluppo

Questo argomento contiene 0 risposte, ha 1 partecipante, ed è stato aggiornato da  logosd 1 mese fa.

Stai vedendo 1 articolo (di 1 totali)
  • Autore
    Articoli
  • logosd

    said

    L’Intervento Psicoeducativo nell’Autismo e nei Disturbi dello Sviluppo: Valutazione, strategie e materiali per l’inclusione.
    14 e 15 dicembre 2018 presso Hotel Rondò – Corso Alcide de Gasperi, 308 Bari.
    18 crediti ECM per Logopedista, Psicologo Educatore Professionale, Tnpee, Medico.
    Corso aperto anche ad insegnanti e genitori.
    Corso accreditato anche in Piattaforma SOFIA – Corso n. 18702 – Edizione n. 26056
    Docente Lisa Costagliola – Psicologa.
    Quota di partecipazione € 90,00. PER I DOCENTI, IL CORSO PUò ESSERE PAGATO CON LA CARTA DEL DOCENTE.

    Presentazione e obiettivi del corso:
    Un bambino che presenta difficoltà nello sviluppo fa spesso emergere titubanze ed insicurezze anche in chi si prende cura di lui. Giocare può diventare difficile. Eppure il gioco rappresenta il mondo per il bambino, la modalità con cui scopre le cose. Tutti i bambini imparano giocando, esplorando, e poi via via immaginando. Per i bambini con difficoltà di sviluppo non può che essere vero lo stesso principio, anche se sostenere il gioco può essere più difficile per l’adulto a causa della particolarità degli interessi, della scarsa interazione, o per altre difficoltà del bambino.
    L’obiettivo del corso è fornire modelli di lavoro con i bambini piccoli, singolarmente o in piccoli gruppi, che abbiano l’obiettivo di sostenere le loro competenze nel giocare, parlare, rapportarsi agli altri. Parole chiave sono Condivisione, Sintonizzazione e Personalizzazione, attenzione ai tempi dei bambini, alle caratteristiche e preferenze sensoriali, attivazione di condivisioni diadiche mediate da oggetti, mediate da immagini e dalla voce dei propri genitori.
    Condivisione – Il coinvolgimento e la formazione dei genitori e degli insegnanti nell’ambito del gioco, del canto, della lettura e del racconto, costituiscono un intervento utile e rispettoso del naturale sviluppo del bambino, delle sue relazioni primarie e dei suoi contesti di vita.
    Sintonizzazione – Raggiungere il bambino, sentirlo, avvicinarsi empaticamente al suo mondo per poter costruire una relazione in cui lui abbia voglia di stare e di impegnarsi. Non c’è alcuna evidenza scientifica, né alcuna memoria nella nostra esperienza che si impari meglio in contesti di costrizione e noia, né attraverso l’esposizione a cose più complesse di quelle che possiamo capire in quel momento. Fondamentale la focalizzazione sulle emozioni e sulle strategie di coping per aiutare la famiglia ad evitare le trappole dell’insuccesso, dello scoraggiamento, della noia e della fatica.
    Personalizzazione – Ogni bambino impara meglio se ha stimoli adatti a lui, ovvero che rientrano in ciò che non sa fare ma che è in procinto di imparare, che toccano la sua curiosità, cose in grado di attirarlo ed entusiasmarlo. Una delle principali strategie è quindi quella di avere una chiara mappa delle abilità del bambino, per poter proporre situazioni di apprendimento interessanti per lui, che lo sostengano nel realizzare il suo potenziale nel miglior modo possibile. Esistono attualmente diversi strumenti che aiutano educatori ed insegnanti nel disegnare queste mappe di abilità. In questa sede proponiamo l’approfondimento del Pep3, strumento utilissimo per la programmazione psicoeducativa.
    LABORATORIO ESPERIENZIALE – GIOCHIAMO CON LA CAA
    Alcuni programmi e alcune app possono essere impiegate sia direttamente che per produrre materiale adatto ad ogni situazione.
    In questo laboratorio vengono presentati programmi che consentiranno questo percorso.
    Si darà attenzione alla costruzione di materiale comprensibile “a prima vista”, senza l’uso del linguaggio e della relativa complessità simbolica. Parallelamente ci si focalizzerà sulla partecipazione del bambino a contesti condivisi con altri bambini e adulti.
    La tecnologia può essere impiegata come mezzo per costruire un percorso di comunicazione maggiormente condivisibile.
    L’ottica è multimodale, per cui il gioco può essere sviluppato tramite un canale sonoro, scritto o visivo.
    E’ auspicabile che i partecipanti portino il loro pc o tablet.
    Saranno poi indicati i software necessari.

    Maggiori info su: http://www.ipertesto.org/autismo-nei-disturbi-dello-sviluppo/ OPPURE CONTATTARE LO 0815790743

Stai vedendo 1 articolo (di 1 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.

Il portale

Creato nel 2001, il portale Logopedista.it rappresenta la presenza storica della logopedia italiana su internet. Da allora più di 13.000 persone si sono registrate e si sono confrontate su questi forum. In questo contesto storico dove, anche grazie ai social generalisti, molte informazioni scorrette circolano in rete, questo portale rimane un luogo dove trovare risposte date da veri professionisti del settore.

Community

Questa ultima versione del portale è totalmente orientata alla community, quindi oltre al classico forum, sono presenti tutti gli elementi tipici dei social network professionali.

Social Network

Potete seguirci anche su:
Twitter | Linkedin

Privacy Policy
Il portale è gestito da: Studio Logopedico Eco – Lusetti Silvia – P.I. 01972130353 – Piazza San Quirino,4, 42015 Correggio